RICOTTA ROMANA E VISCIOLE

ricotta e visciole1280x650

In diversi disegni eseguiti dai viaggiatori del Grand Tour a Roma, fin dal XVII secolo, notiamo un pastorello che pascola le bestie tra le rovine della città antica, invasa di erbe di ogni tipo. L’immagine è rimasta quasi inalterata sino a pochi decenni fa, quando cioè i nuovi quartieri spingevano sempre più lontano le greggi che svernavano nella campagna romana. Questa simbiosi tra rovine e pecore, tra case nuove e greggi sotto casa, la si ritrova anche nelle tradizioni gastronomiche: abbacchio, pecorino e ricotta. Quest’ultima usata in cucina come forse in nessun’altra regione, entrando poi, dapprima nella dolcerìa casalinga, e successivamente persino nell’alta pasticceria, con l’accoppiata di ricotta e visciole di schietta tradizione ebraica-romana. Dal Forno alla gelateria, il passo si compie con il nostro gelato, che nella rustica e primitiva semplicità della ricotta, affoga l’asprigna dolcezza della visciola.

 

Purtroppo, ben poco di questa saggezza luminosa si ritrova nella storia della diffusione della banana: frutto migrante dall’Asia all’Africa, e poi da qui all’America Latina e l’Europa, la banana ci ricorda una storia di schiavismo e di dominazioni. Per nostra fortuna, la banana non sa niente della sua storia e continua a regalarci il suo profumo nonostante l’Occidente non abbia fatto niente per meritarselo. Noi, cercando di mettere in atto i consigli dei saggi, con la pratica quotidiana e le risorse del sapere tecnico, ci sforziamo di fare un gelato nel rispetto del frutto e delle sue qualità.

Info nutrizionali

Valori indicativi per 100 gr di gelato

GRASSI (g) 7,5
di cui saturi (g) 4,6

CARBOIDRATI 23,5
di cui zuccheri (g) 17,5

PROTEINE 5,0

VAL. ENERG (kcal) 182

Ingredienti

• LATTE FRESCO”
• RICOTTA DI PECORA
• ZUCCHERO
• DESTROSIO

• SCIROPPO DI GLUCOSIO
• LATTE MAGRO IN POLVERE
• FIBRE VEGETALI
• POLPA DI BAOBAB
• FECOLA DI MARANTA
• VISCIOLE CANDITE/SCIROPPATE

 

Seguici su Instagram